Menu

Status di esportatore autorizzato

– Dichiarazione di origine preferenziale in fattura –

con la presente vorremmo richiamare l’attenzione sulla circolare 91956/RU del 26.07.19 (allegata) con la quale l’Agenzia delle Dogane introduce nuove procedure per il rilascio dei certificati di circolazione EUR1, EURMED, ATR.
La circolare si sofferma soprattutto sulla previdimazione dei certificati di circolazione. Vi sono tuttavia alcuni passaggi che fanno pensare ad un irrigidimento dei criteri per il rilascio dei certificati e a una esplicita volontà dell’Agenzia di indirizzare le aziende ad adottare “la dichiarazione di origine in fattura”. Tale strumento è sempre possibile per le spedizioni sotto i 6000 euro; oltre questo limite, è necessario richiedere un’apposita autorizzazione all’Ufficio delle Dogane competente.
L’autorizzazione (con la quale all’azienda viene attribuito lo “status di esportatore autorizzato”) viene rilasciata previo accertamento di lavorazione presso l’azienda richiedente: è necessario, sostanzialmente, che l’azienda dimostri, tramite schede di produzione o fatture di acquisto dei materiali, che i prodotti che si intendono esportare hanno l’origine italiana o comunitaria.
Una volta ottenuta l’autorizzazione, non sarà più necessario richiedere l’EUR1 di volta in volta, ma è sufficiente dichiarare l’origine nel corpo della fattura di vendita con il nume di autorizzazione assegnato.
Anche noi consigliamo di adottare questo strumento (del quale peraltro molte aziende si sono già dotate) per rendere più rapidi i traffici evitando eventuali ritardi nel rilascio del certificato di circolazione; inoltre, per alcuni paesi (Corea del Sud e Canada), la dichiarazione di origine rappresenta l’unico mezzo per attestare l’origine preferenziale, posto che gli Accordi non prevedono il rilascio del certificato EUR1.

Auspichiamo di essere stati chiari in queste poche righe; siamo, comunque, a disposizione per ulteriori dettagli e, naturalmente, per l’assistenza alle aziende che vogliano ottenere l’autorizzazione.
Riferimenti normativi circolare 91956/RU del 26.07.19.